Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast

Alberghi e Hotel  a Loreto nelle Marche, B&B - Bed and Breakfast, Case Vacanza, Appartamenti, Agriturismo, Ostelli.  controlla ora le migliori offerte.

Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast Loreto Alberghi Hotel Bed and Breakfast

Booking.com

Loreto - Piazza della Madonna
Loreto - Piazza della Madonna

Loreto è un comune italiano di 12.791 abitanti della provincia di Ancona. Loreto è famosa per essere la sede della Basilica della Santa Casa, uno dei più importanti e antichi luoghi di pellegrinaggio mariano del mondo cattolico.

La città sorge sulla sommità d'una dolce collina, con un'ampia campagna attorno caratterizzata dalla coltivazione dell'ulivo. Svetta per altezza e maestosità la sagoma della cupola e del campanile della Basilica sulla cui cima si trova la figura della Madonna. Il panorama che si gode spazia dal mare Adriatico al Monte Conero, fino all'Appennino umbro-marchigiano.

La città si è sviluppata intorno alla nota Basilica che ospita la celebre reliquia della Santa Casa di Nazaret dove, secondo la tradizione, la Vergine Maria nacque e visse e dove ricevette l'annuncio della nascita miracolosa di Gesù.

Monumenti e luoghi d'interesse:

 

- La Piazza della Madonna.

La Piazza della Madonna si apre al termine dell'asse principale del borgo come un vero e proprio spazio monumentale attorno al quale si dispongono i massimi capolavori architettonici di Loreto.

 

- Basilica della Santa Casa.

È tutta incentrata verso l'imponente mole della Basilica della Santa Casa iniziata nel 1468, terminata solo verso il XVII secolo e completato dal campanile ad opera di Luigi Vanvitelli nel 1755. Vi lavorarono i migliori architetti del tempo: Baccio Pontelli, Bramante, Andrea Sansovino, Giuliano da Sangallo e Antonio da Sangallo il Giovane. La Basilica è in stile gotico-rinascimentale a pianta a croce latina, nata da una antica struttura a tre navate con un'altra che reca al centro una croce greca. La cupola ottagonale fu eretta tra il 1498 e il 1500 da Giuliano da Sangallo. Anche il Bramante partecipò alla realizzazione della facciata, ma non si può vedere l'opera del maestro in quanto fu edificata da Giovanni Boccalini; l'interno è a tre navate separate da colonne quadrate con sopra crociere a costole. Un ricco e sontuoso recinto marmoreo riveste la Santa Casa e fu progettato dal Bramante ma edificato da Sansovino. La Cappella dell'Annunciazione fu decorata con affreschi di Federico Zuccari, le sagrestie di San Marco e di San Giovanni rispettivamente da Melozzo da Forlì e da Luca Signorelli, il soffitto ed il padiglione della sala del Tesoro dal Pomarancio.

 

- Palazzo Apostolico.

I lati nord ed est della Piazza della Madonna sono chiusi dal grandioso Palazzo Apostolico progettato da Giancristoforo Romano e costruito da Andrea Sansovino, Antonio da Sangallo il Giovane e Giovanni Boccalini. Nel progetto originario avrebbe dovuto circondare completamente la piazza, ma per il mancato esproprio del lato destro (attualmente occupato dall'edificio dell'ex Collegio Illirico), venne realizzato il solo lato di fronte alla Basilica, conforme al disegno primitivo, ad opera dello stesso Vanvitelli.

 

- Fontana Maggiore

Al centro della piazza si staglia la mirabile Fontana Maggiore, bell'opera barocca di Carlo Maderno e Giovanni Fontana realizzata fra il 1604 e il 1614, e adorna di sculture bronzee dei fratelli Pietro Paolo e Tarquinio Jacometti.

 

- Mura e porte cittadine.

La città è circondata da una cinta muraria eretta a partire già dal XIV secolo come difesa, soprattutto dalle incursioni turche nell'Adriatico. Dopo l'assalto a Porto Recanati del 5 giugno 1518 da parte di Selim I il Crudele, papa Leone X avviò rapidamente la ricostruzione completa delle mura. Dal 1518 al 1522 ci lavorarono tre architetti: furono ideate da Antonio da Sangallo il Giovane, realizzate da Cristoforo Resse da Imola e perfezionate da Andrea Sansovino.

Il cantiere doveva compiersi in fretta, come da precisi ordini papali, così venne impiegato il materiale da costruzione preparato per il porto di Recanati, e furono messi al lavoro 400 operai, anche di domenica.

Le mura vennero dotate di merli arcuati binati e di bastioni, e munite di 26 pezzi d'artiglieria. Sul lato meridionale si apre la Porta Romana, edificata su disegno dell'architetto maceratese Pompeo Floriani verso il 1590 e decorata con due statue di profeti scolpite da Simone Cioli nel 1538-41, destinate in un primo momento al rivestimento marmoreo della Santa Casa.

Sul lato settentrionale, dietro le absidi della Basilica, si apre la cosiddetta Porta Marina, aperta al tempo di Clemente VII (1523-1534) ma costruita da Giovanni Branca nel XVII secolo con l'ornamento delle caratteristiche api barberiniane di Urbano VIII (1623-1644).

Il bastione Sangallo, dal nome dell'architetto che lo progettò, conserva al suo interno le antiche casematte da cui si difendeva la città, nonché una piazza d'armi. Oggi ospita una sala-teatro polifunzionale.


Booking.com